Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

La moglie aveva finanziato con 50mila sterline l'amante

Ulster, il premier tradito si autosospende dal governo


Ulster, il premier tradito si autosospende dal governo
11/01/2010, 18:01

BELFAST - In Italia potrebbe anche passare come "gossip", "inciucio" o comunque chiacchiera da parrucchiere ma, nell'Irlanda del Nord, la notizia ha prima fatto scandalo e, subito dopo, portato alle dimissioni della persona coinvolta.
Il primo ministro nordirlandese Peter Robinson ha chiesto infatti alla collega di partito Arlene Foster di sostituirlo alla guida del governo provinciale. Motivo? Aver scoperto e poi dovuto confessare che sua moglie, anche lei parlamentare, aveva "dimenticato" di registrare 50.000 sterline ricevute in prestito da due persone per poter finanziare un'attività appena aperta dal suo giovane amante.
Cosa che nel nostro paese pare fantascienza (o meglio fantainformazione) è il ruolo della Bbc in tutta la vicenda. L'imbarazzante accaduto, infatti, è saltato fuori proprio perchè, la notissima e potentissima emittente televisiva, ha chiamato in causa il primo ministro per chiedergli di chiarire pubblicamente il significato delle infamanti voci che giravano sulla finanze della sua famiglia.
Oltre alle dichiarazioni dell'oramai ex presidente, sono poi arrivate anche quelle della moglie Iris Robinson. La donna ha confessato di aver tentato il suicidio l'anno scorso; dopo aver intrapreso una relazione extraconiugale con un giovanissimo ragazzo di appena 19 anni. Altro elemento da non sottovalutare è la totale solidarietà dimostrata al capo di governo dai partiti unionisti democratici e dagli ex rivali nazionalisti dello Sinn Feinn. Inoltre, doveroso precisarlo, la signora Robinson non ha sottratto soldi pubblici ma si è "limitata" ad effettuare un'operazione a nero all'interno del nucleo familiare. Questo reato fiscale è bastato per far dimettere un politico di prima linea che, in ogni caso, aveva l'appoggio morale e politico della maggioranza e dell'opposizione. Intanto ci saranno sei settimane per il governo nordirlandese: il tempo della Foster è difatti limitato dalla costituzione. Trascorsi i due mesi e mezzo, se Robinson non tornerà, si dovrà ricorrere a nuove elezioni. Della seria: basta una scappatella per mettere in crisi un leader politicamente e socialmente riconosciuto; proprio come nel bel paese...

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©