Dal mondo / Giappone

Commenta Stampa

La centrale era stat chiusa per i possibili sismi

Un muro alto più di 18 metri proteggerà Hamaoka

Il progetto sarà portato a termine nel 2012

Un muro alto più di  18 metri proteggerà Hamaoka
22/07/2011, 19:07

Per proteggere la centrale di nucleare di Hamaoka, situata nella prefettura di Shizuoka, è stato creato un muro anti tsunami alto ben 18 metri e lungo 1.6 km. Una vera corazza ideata e presentata da Chubu Electric, la terza utility del Giappone. Il progetto, dal valore di 100 miliardi di yen ( quasi un miliardo di euro) è stato creato per permettere la riattivazione dell'impianto di generazione elettrica. La centrale di Hamaoka ha 5 reattori di cui due in fase di decommissionamento, si trova in un'area altamente sismica, il Tokai, dove si ritiene con ampi margini di probabilità che possa registrarsi un potente sisma in un futuro non lontano. Il premier nipponico Naoto Kan aveva chiesto di spegnerla dopo la peggiore crisi nucleare da Chernobyl, causata dal sisma e dal successivo tsunami dell'11 marzo scorso. Lo stesso aveva poi chiesto di interrompere i lavori in vista dell’adozione di misure anti-terremoto e anti-tsunami più severe.
La conclusione dei lavori, si augura Chubu, si terrà a dicembre 2012. Sarà portato a termine, nello stesso periodo anche la costruzione edificio impermeabile per proteggere gli impianti d'emergenza di pompaggio dell'acqua di mare per il raffreddamento dei reattori.

I nuovo muro, dall’altezza superiore ai 12 metri ipotizzati inizialmente, potrà reggere l’impatto di onde superiori a quelle che hanno distrutto la centrale di Fukushima.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©