Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Ennesimo schiaffo all'Europa del governo ungherese

Ungheria: Orban premia tre simboli razzisti ed antisemiti


Ungheria: Orban premia tre simboli razzisti ed antisemiti
18/03/2013, 11:38

BUDAPEST (UNGHERIA) - Ennesima provocazione del premier ungherese Viktor Orban, che in pochi giorni ha premiato tre ungheresi, noti antisemiti. 
Il primo è Ferenc Szanizslò, giornalista TV, rimproverato dall'ente governativo che controlla i media pervhè nel 2011 paragomò i rom a delle scimmie. E' stato lui il vincitore del premio Tancsics, un premop molto prestigioso in Ungheria, riservato ai giornalisti. Una decisione che hs portato molti precedenti vincitori a protestare e a dichiararsi pronti a restituire il premio.
Il secondo è Kornel Bakay, archeologo, anche lui noto per il suo antisemitismo. Bakay è stato premiato, per decisione del governo ungherese con l'Ordine al merito, una importante onoreficenza nazionale. Tra gli scandali più noti che ha provocato c'è stato quello quando accuso pubblicamente gli ebrei di aver organizzato la tratta degli schiavi dall'Africa, che è andata avanti per secoli. In realtà la situazione è molto più complessa: spesso i cacciatori di schiavi erano finanziati dagli stessi governi o da grosse società private (come la Compagnia delle Indie, società inglese), e non di rado si avvalevano della collaborazione di potentati locali, che collaboravano anche nelle razzie nei villaggi africani. 
Il terzo è Janos Petros, cantante del gruppo Karpatia, che ha ricevuto la Croce d'oro al Merito. Si tratta di un gruppo musicale che potremmo definire "nazirock", che nelle sue canzoni inneggia  alla "Grande Ungheria" (che comprende in tutto o in parte i Paesi dalla Serbia all'Ucraina, passando per la Romania, la Repubblica Ceca e la Slovacchia). Si tratta di un gruppo musicale molto vicino al partito Jobbik, del premier Orban, al punto che spesso partecipano alle sfilate della Guardia Magiara, le milizie private di Orban. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©