Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

La situazione economica è sempre più traballanti

Ungheria verso il default: serve un prestito da almeno 20 miliardi


Ungheria verso il default: serve un prestito da almeno 20 miliardi
05/01/2012, 14:01

BUDAPEST (UNGHERIA) - E' sempre più in bilico la situazione economica dell'Ungheria, una situazione che la spavalderia e l'arroganza del premier Viktor Orban non migliora di sicuro. Infatti l'Ungheria ha seri problemi di bilancio, avrebbe un bisogno immediato di almeno 20 miliardi di euro, per sistemare le cose ed avere il tempo di rilanciare la sua economia. Ma il Fondo Monetario Internazionale e la Bce non intendono discutere con il governo, indispettiti dalle norme approvate negli ultimi anni, che limitano fortemente la libertà individuale (tutti i mass media sono stati ammutoliti oppure messi sotto il controllo del governo, è stata ridotta la possibilità di manifestare) e mettono una serie di istituzioni - tra cui la magistratura e la Banca centrale ungherese - sotto il controllo diretto del premier o di organismi da lui nominati. Una situazione che non è piaciuta neanche all'Unione Europea, che sta valutando come sanzionare il Paese.
Ma la crisi si fa sentire anche sui mercati, che oggi hanno pesatemente colpito l'Ungheria: i titoli di Stato sono stati collocati sul mercato solo in parte (35 miliardi su 45 offerti) e ad un interesse vicino al 10%, contro l'8% di sole due settimane fa. Inoltre il fiorino ungherese continua a scendere di valore (oggi ce ne vogliono 324 per avere un euro), aumentando i costi per l'importazione. E con un debito pubblico che ha superato l'86% del Pil e una crescita prevista inferiore allo zero, gli interessi da pagare rischino di diventare rapidamente insostenibili.
Per questo il governo Orban cerca un accordo con Fmi e Bce, prima che sia troppo tardi: i 20 miliardi sarebbero necessari per tappare le falle nei conti pubblici previsti per quest'anno e per rilanciare l'economia. Se non avvenisse, il rischio è di avere tassi di interesse sempre più alti e sempre più insostenibili, fino a dover dichiarare default. E poichè l'Ungheria fa parte dell'Unione Europea ma non dell'area euro, non potrebbe neanche chiedere aiuto al "Fondo salva-stati", che è riservato ai Paesi dell'area euro.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©