Dal mondo / America

Commenta Stampa

Sfida ventennale quella del match dei biscotti presidenziali

Usa 2012: Michelle vince le sue elezioni a suon di biscotti

297 voti per la moglie del candicato democratico

Usa 2012: Michelle vince le sue elezioni a suon di biscotti
02/10/2012, 18:57

NEW YORK - Mentre i mariti si preparano al primo dibattito presidenziale in Colorado, Michelle Obama batte Ann Romney nel “match dei biscotti”. In uno dei rituali della corsa alla Casa Bianca degli ultimi 20 anni, i biscotti alle noci tritate e cioccolato amaro della First Lady hanno prevalso su quelli della moglie del candidato repubblicano Mitt Romney. Vince la Obama dunque, ma di strettissima misura: solo 297 voti, su quasi diecimila giudizi delle lettrici di Family Circle che hanno provato entrambe le ricette, hanno separato le contendenti. La sfida del ventennale era stata lanciata in giugno dalla rivista di cucina e lifestyle per casalinghe. Michelle e Ann avevano suggerito ricette alternative: populista e a base di burro di arachidi e cioccolatini M&M quella della Romney, ambiziosa e salutista con noci tritate al posto delle arachidi (che possono provocare letali allergie) e cioccolato amaro quella di Michelle. Family Circle aveva quindi chiesto alle americane di ritirarsi in cucina e adempiere al loro “dovere patriottico” confrontando le ricette: la Obama aveva vinto con il 51 per cento sulla rivale. Sia pure singolarmente sessista in un'America dove le donne, sia pure spesso solo a parole, hanno raggiunto la piena parità, il match dei biscotti è da 20 anni un classico della corsa alla Casa Bianca e, con una unica eccezioni nel 2008, un costante indicatore del vincitore. Fu indetto nel 1992 dopo che l'allora donna in carriera Hillary Clinton aveva preso le distanze dalle mogli che “restano a casa a infornare biscotti e offrire tè”: una gaffe che per poco non era costata a Bill Clinton il voto delle casalinghe nella sfida contro il primo presidente George H.W. Bush. Si era intromessa Family Circle offrendo alla aspirante First Lady democratica una prova di riparazione. A sorpresa l'avvocatessa Hillary Clinton aveva vinto su Barbara Bush e un mese dopo Bill Clinton aveva conquistato la Casa Bianca. Una sola volta nei vent'anni del concorso ha prevalso una aspirante First Lady il cui marito ha perso le elezioni. Nel 2008 Cindy McCain sconfisse Michelle Obama tra le proteste delle lettrici che avevano scoperto il trucco: la ricetta della moglie del senatore John McCain aveva copiato per i suoi dolcetti una ricetta promozionale dei cioccolatini Hershey’s. Successo rubato, si disse allora, e qualcuno paragonò il risultato all'elezione di George W. Bush nel 2000 contro Al Gore, ma Family Circle respinse i ricorsi e non arrivò mai a togliere alla McCain la palma della vittoria.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©