Dal mondo / America

Commenta Stampa

E' l'ulimo sondaggio pubblicato da Nbc - Wall Street Journal

USA 2012: Obama avanti al 47% insegue Romney al 43%


USA 2012: Obama avanti al 47% insegue Romney al 43%
23/05/2012, 20:05

WASHINGTON - Barack Obama avanti con il 47%, insegue Mitt Romney 43%. È quanto emerge dall'ultimo sondaggio diffuso da Nbc News-Wall Street Journal. Ma a dimostrare che in questa fase i sondaggi non contano così tanto, il fatto che questi dati non rappresentano una buona notizia per il presidente. Lo scarto tra i due, infatti, s'è assottigliato: oggi è di 4 punti, mentre secondo lo stesso sondaggio, ad aprile era di 6 punti. Tanto che il curatore dell'inchiesta, Peter Hart, a 165 giorni dal voto, parla apertamente di testa a testa: «Le possibilità di rielezione per Obama - afferma - sono 50 a 50. Sarà una lotta all'ultimo voto». A incidere sulla flessione del presidente in carica, il ritorno di un certo pessimismo sull'andamento dell'economia. In aprile, il leggero incremento dell'occupazione sembrava aver provocato qualche segnale positivo nella percezione degli americani. Ora invece, complice la crisi in Europa e i nuovi scandali finanziari di Wall Street, gli elettori stanno tornando a vedere nero. Non a caso, la campagna di Mitt Romney punta proprio a enfatizzare questa ansia crescente nei confronti dello stato dell'economia. Lo staff di Obama invece è deciso a dimostrare che le politiche da finanziere d'assalto di Mitt Romney, in passato capo della Capital Bain, possono assicurare profitti agli investitori, ma fare il presidente è tutto un altro lavoro. Al di là dello scontro a colpi di spot, a preoccupare Obama è il ritorno della paura. A marzo, il 40% degli americani pensava che il peggio fosse passato, ad aprile questo dato era calato di due punti e oggi solo il 33% è convinto che l'anno prossimo le cose andranno meglio. Detto questo, come indica il sondaggio, i numeri non sono proibitivi per quanto riguarda le chance di rielezione di Obama. Nel maggio del 2004, quando George W. Bush era impegnato come Barack a tornare alla Casa Bianca, il suo dato di popolarità sul fronte dell'economia era perfino più basso. All'epoca il 41% era convinto che stesse guidando il Paese nella giusta direzione, oggi su Obama lo pensa il 43%. E anche sul fronte della popolarità, George W era fermo al 47%, lo stesso di Obama, oggi.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©