Dal mondo / America

Commenta Stampa

La Polizia parla di "giusta reazione alle intemperanze"

Usa: a processo poliziotto che sparò a 14enne col taser


Usa: a processo poliziotto che sparò a 14enne col taser
15/12/2011, 16:12

ALLERTOWN (PENNSYLVANIA) - E' giunto a processo la vicenda che, nel settembre scorso, vide un poliziotto sparare col taser (la cosiddetta "pistola elettrica") contro una ragazza di 14 anni all'uscita dalla scuola. E la prova principe è un video di sorveglianza, dove si vede il poliziotto prendere la mira e sparare gli elettrodi all'inguine della ragazza. Considerando che nelle disposizioni della Polizia si ordina l'uso del taser solo quando non ci sono altri modi per arginare la violenza del sospetto, è evidente che qui non ci sono gli estremi.
Così come appare debole la versione della Polizia, che riferisce di come la ragazza avesse aggredito l'agente, costringendolo a quella reazione. La Polizia aggiunge anche che c'erano stati altri tafferugli quella mattina davanti al liceo in questione.
Una versione contestata dalla ragazza e dai suoi genitori, che invece parlano di razzismo del poliziotto.
C'è da notare una stranezza: chiunque su Youtube abbia postato l'intero video, ha avuto l'account immediatamente chiuso. Gesto che ha un solo significato: censura. Infatti qui non c'è un filmato di una TV, per cui si può contestare il copyright. E' il filmato di una telecamera di sicurezza depositato ad un processo pubblico. Documento pubblico, che più pubblico non si può, anche negli States.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©