Dal mondo / America

Commenta Stampa

USA: ancora episodi di brutalità da parte dei poliziotti


USA: ancora episodi di brutalità da parte dei poliziotti
02/03/2009, 17:03

Non cessano gli episodi - e parliamo solo di quei pochi che vengono conosciuti e denunciato - in cui i poliziotti aggrediscono, terrorizzano e brutalizzano persone inermi. Ieri è stato diffuso un video della sorveglianza di una stazione di Seattle in cui si vedono due poliziotti che, per vendicarsi del fatto che una detenuta quindicenne ha lanciato verso di loro una scarpa, l'hanno presa a pugni, sbattuta violentemente con la testa nel muro, poi con la faccia a terra. A quel punto l'hanno ammanettata e colpita alla schiena con due o tre pugni. Dopo di che l'hanno afferrata per i capelli ed alzata così da terra, prima di spingerla, sempre per i capelli, fuori dalla camera di sicurezza. E non oso immaginare cosa le abbia fatto dopo. Il poliziotto è stato denunciato, ma ha detto di essere innocente.
Altro episodio è avvenuto in una scuola di Los Angeles, dove un poliziotto ha usato una pistola elettrica, il cosiddetto taser, contro un ragazzino di 12 anni alquanto vivace. il ragazzino è stato colpito da una scarica di 50 mila volt; per fortuna queste pistole usano un basso amperaggio, ma il dolore è comunque fortissimo. E spesso ci sono conseguenze anche a lungo termine.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©