Dal mondo / America

Commenta Stampa

Paura per la nuvola tossica, "potrebbe spostarsi"

Usa: ancora fiamme nella reffineria di Chevron in California

Solo un dipendente è rimasto ferito ustionandosi al polso

Usa: ancora fiamme nella reffineria di Chevron in California
07/08/2012, 17:32

NEW YORK - Le fiamme divampate ieri nella raffineria Chevron a Richmond, in California, sono state contenute, ma non domate del tutto. L'impianto, fondato oltre un secolo fa, raffina un ottavo del petrolio utilizzato nello Stato, circa 242.000 barili al giorno. Ora il timore è quello di un'interruzione prolungata del lavoro nello stabilimento che causi un significativo aumento del prezzo del carburante. In un comunicato, l'azienda ha fatto sapere che solo uno dei dipendenti è rimasto ferito nell'incendio, riportando un'ustione al polso, mentre circa 200 persone hanno riscontrato problemi respiratori. Una delle preoccupazione degli esperti è proprio che la nuvola di fumo - che si è già diffusa in tutti i quartieri a est della raffineria - continui a propagarsi a causa del vento. E gli specialisti stanno anche monitorando la situazione per verificare l'eventuale presenza nell'aria di sostanze pericolose. Da ieri sera è stato ordinato a migliaia di abitanti del sobborgo industriale di San Francisco di barricarsi in casa, e sono state chiuse quattro stazioni ferroviarie. Secondo quanto riporta il quotidiano San Francisco Chronicle, l'incendio è scoppiato alle 6.15 del pomeriggio ora locale nell'unità 4 della raffineria, a causa di una perdita di gasolio.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©