Dal mondo / America

Commenta Stampa

Sentenza intimidatoria della Corte di New York

Usa: condannata banca, Hamas ha usato i suoi conti


Usa: condannata banca, Hamas ha usato i suoi conti
16/07/2011, 15:07

NEW YORK (USA) - Care banche, sappiate che se persone che hanno a che fare con organizzazioni terroristiche usano i vostri servizi, ne risponderete finanziariamente. E' questo il messaggio - decisamente politico, checchè se ne possa dire - che la Corte suprema di New York ha inviato, con una sentenza storica. Per la prima volta una banca straniera - la Bank of China - è stata condannata a risarcire i familiari di 80 persone, asseritamente uccise da Hamas in Israele, perchè sui suoi conti sono transitati soldi che sono serviti ad Hamas a comprare il materiale necessario a costruire razzi Qassam, che poi sono stati lanciati contro la cittadina di Sderot.
Secondo l'Israel Law Center e i procuratori americani, i soldi sarebbero partiti dall'Iran e dalla Siria, transitando sui conti della BoC e da lì verso la striscia di Gaza e la CIsgiordania. Con quei soldi, sarebbe stato organizzato l'attentato suicida di Eliat, nel 2007 e i lanci di razzi contro Sderot, che in totale avrebbero provocato 80 vittime. L'ammontare del risarcimento verrà reso noto solo il 14 settembre prossimo.
C'è da aggiungere qualche dato. I razzi Qassam sparati contro Israele, dal 1995 ad oggi, secondo le statistiche ufficiali hanno provocato la morte di meno di 10 persone, di cui la metà sono anziani morti di infarto per la tensione durante gli allarmi antiaerei. Le 75 vittime rimanenti sono tutte dall'attentato di Eilat? Senza contare un altro dettaglio legale: come fanno a dimostrare che i versamenti hanno seguito quella strada e che sono stati acquistati esattamente quei materiali? Insomma, appare evidente a chiunque che si tratta di una sentenza costruita a tavolino e solo con uno scopo intimidatorio: nella sentenza vengono citati non a caso i due Stati che Israele e gli Usa vogliono conquistare (Siria ed Iran) insieme ad Hamas.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©