Dal mondo / America

Commenta Stampa

USA: confessa un omicidio perchè crede di morire; ma si riprende e viene arrestato


USA: confessa un omicidio perchè crede di morire; ma si riprende e viene arrestato
24/03/2009, 15:03

James Brewer, 57 anni, cittadino statunitense, stava molto male, si sentiva in punto di morte. Per questo aveva chiamato al capezzale del proprio letto d'ospedale l'agente Tony Russo, detective della Polizia, per confessargli di aver commesso un delitto rimasto insoluto: l'omicidio del giovane 20enne Jimmy Carol, avvenuto nel 1977. La colpa di Jimmy era stata quella di aver ingenerato in Brewer il sospetto che insidiasse la moglie.
Però poi Brewser è migliorato, è stato dimesso dall'ospedale ed è stato arrestato, dato che negli USA il reato di omicidio non va in prescrizione. Inoltre, il reato l'ha commesso nel Tennessee, uno Stato che ha la pena di morte, come possibile condanna per l'omicidio. Che sia scampato ad una morte naturale per finire giustiziato con una iniezione letale?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©