Dal mondo / America

Commenta Stampa

Obama annuncia l'inizio della riduzione del debito pubblico

Usa: congelati gli stipendi dei dipendenti federali


Usa: congelati gli stipendi dei dipendenti federali
29/11/2010, 17:11

WASHINGTON (USA) - Annuncio shock, per la mentalità statunitense: la Casa Bianca ha annunciato che presto verranno congelati gli stipendi di tutti i dipendenti federali, compresi gli impiegati civili che lavorano per l'esercito o per la Marina. SI tratta di una misura che apporterà un risparmio di 2 miliardi di dollari per il 2011, 60 miliardi in 10 anni. E un comunicato della Casa Bianca spiega perchè è stata presa la decisione: "A causa dell'irresponsabilità dell'ultimo decennio, il presidente ha ereditato 1.300 miliardi di dollari di deficit e una crisi economica che ha minacciato di far scivolare il paese in una seconda Grande Depressione. Ora l'economia è tornata a crescere e il settore privato è tornato ad assumere negli ultimi dieci mesi. Ma le famiglie e le aziende sono ancora in difficoltà, e la nostra priorità è quella di assicurarci di fare il possibile per aiutare la crescita economica a rafforzarsi e l'occupazione a crescere. Ora la nostra attenzione deve essere concentrata sulla gestione del deficit ereditato e sull'insostenibile traiettoria di bilancio. Il congelamento non è per punire i dipendenti federali o per mancanza di rispetto del lavoro che fanno: è la prima di molte azioni che intraprenderemo per rimettere in carreggiata i nostri conti pubblici e con le quali saranno chiesti sacrifici a tutti".
Peccato che la causa di questa crisi negli Usa siano proprio gli stipendi troppo bassi di gran parte dei lavoratori Usa. Congelare lo stipendio a milioni di persone servirà solo ad aggravare la crisi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©