Dal mondo / America

Commenta Stampa

Dalla Luna 51esimo stato Usa in poi

Usa: dibattito surreale tra i condidati repubblicani in diretta TV


Usa: dibattito surreale tra i condidati repubblicani in diretta TV
27/01/2012, 10:01

USA - Un dibattito surreale: non c'è altra definizione per quello che i cittadini americani hanno visto in diretta TV sulla CNN tra i quattro candidati rimasti a poter aspirare a vincere la convention reubblicana e sfidare a novembre Barack Obama.
C'era Newt Gingrich, ex portavoce repubblicano al Congresso, che ha proposto l'idea di installare una colonia umana (ovviamente formata da cittadini statunitensi) sulla Luna, per poi poterla reclamare come 51esimo Stato. Inoltre ha cercato di spacciare il fatto di essere uno che vive di politica da decenni (era lobbista al Congresso ai tempi di Reagan, e parlamentare ai tempi di Clinton) per "l'esperienza che in questo momento è necessaria".
C'era Mitt Romney, mormone e favorito per la vittoria, nonostante sia in calo, che ha detto di non sapere che aveva i suoi conti alle Cayman con oltre 10 milioni di dollari, perchè "è tutto affidato ad un blind trust che agisce indipendentemente da me". Inoltre ha ricordato di essere figlio di immigrati messicani, senza aggiungere che in realtà erano americani che aderirono alla comunità mormone messicana, prima di tornare indietro.
Poi c'era Rick Santorum, in difficoltà dopo l'exploit in Iowa, per cui il politico deve rispondere solo alla sua fede cristiana. E che ha portato la sua nonna 93enne, per dimostrare che lui è un figlio di immigrati arrivati con le valigie in mano. E quindi propone di deportare tutti gli immigrati, per risolvere quel problema.
Infine Ron Paul, l'unico dei quattro finora a non aver vinto nei primi tre Stati (Iowa, New Hampshire e South Carolina) in cui si è votato. Forse il più moderato dei quattro, ma che dice quella che per il popolo statunitense è una eresia: andare da Fidel Castro a stringergli la mano e chiedergli di risolvere i problemi dell'isola. E che alla proposta di Gingrich risponde con la proposta di inviare sulla Luna un po' di politici, innanzitutto.
Ma sopra tutti e quattro aleggia un fantasma: i sondaggi che li danno comunque perdenti con Obama. Che, con la ripresa economica che sta dando qualche timido risultato, resta il più amato dagli americani. Almeno molto più dei candidati repubblicani.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©