Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Ma la Germania fa presente che non è ancora pronta

Usa e Gb premono per far entrare la Turchia in Europa


Usa e Gb premono per far entrare la Turchia in Europa
27/07/2010, 13:07

E' un botta e risposta che per ora si limita alle dichiarazione, ma potrebbe diventare presto un problema. Ieri il Presidente americano Barack Obama ha chiesto all'Europa di far entrare al più presto al suo interno la Turchia, a pieno titolo. Ma subito è arrivata la risposta del Ministro degli Esteri tedesco, Guido Westerwelle: "Se la questione dovesse essere decisa oggi, la Turchia non sarebbe pronta per entrare nell'Ue, e l'Unione non sarebbe in grado di assorbirla. Ma abbiamo un grande interesse che la Turchia si volga verso l'Europa. Il paese puo' anche offrire un aiuto molto costruttivo nella risoluzione di molti conflitti, tra cui quelli in Afghanistan, Iran, Yemen o Medio Oriente. Degli oltre 30 capitoli del negoziato, piu' di meta' sono bloccati. Chiunque abbia l'impressione che l'entrata della Turchia nell'Unione sia proprio dietro l'angolo e' fuori strada. Si tratta di non offendere i turchi e di non creare l'impressione che non siamo interessati a loro''.
Ma poi è stato il premier inglese David Cameron a sostenere l'ingresso della Turchia in Europa: "Quando penso a quello che fa la Turchia per difendere l'Europa con la Nato e a quello che fa in Afghanistan, mi arrabbio", ha detto davanti all'Unione della Camere di Commercio di Ankara.
In realtà qui si intrecciano tre diverse esigenze, che vanno tenute presente. La prima è quella degli Stati Uniti, per i quali converrebbe che l'Unione Europea diventasse una versione economica della Nato, in modo da essere controllabile se si controlla la Commissione Ue. La seconda è quella religiosa, data la particolare situazione turca. Infatti si tratta di una nazione molto popolosa (circa 80 milioni di abitanti), in buona parte musulmani. Ma negli ultimi anni la Turchia sta scivolando verso l'estremismo religioso, una tendenza che potrebbe essere fermata dal suo inglobamento nell'Europa. D'altronde, avere una nazione estremista islamica al nostro confine non è il massimo. E qui entra la terza esigenza, quella dell'Unione Europea. Infatti, oltre alla situazione economica lontana dai parametri di Maastricht, ci sono le leggi interne, molto lontane dallo spirito di tolleranza che caratterizza gli altri Paesi. Inoltre in Turchia continuano le operazioni militari contro i curdi, altra cosa non ammissibile per un Paese europeo. Senza risolvere questi problemi, sarà difficile che la Turchia possa entrare in Europa; tuttavia finora Ankara su alcuni punti ha dimostrato molta buona volontà.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©