Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

USA: E VENNE IL GIORNO DELLA PALIN ALLA CONVENTION REPUBBLICANA


USA: E VENNE IL GIORNO DELLA PALIN ALLA CONVENTION REPUBBLICANA
04/09/2008, 07:09

La terza giornata della convention repubblicana di St. Paul ha visto una accurata preparazione per la consacrazione (almeno tentata, non si sa se riuscita) come vicepresidente in pectore di Sarah Palin, già Sindaco di Willesa, in Alaska, e governatore dello Stato dimensionalmente più grande, ma anche il meno abitato con soli 680 mila abitanti. Ma anche una donna con molti "problemucci" nascosti nell'armadio. Sicchè la Palin era stata tenuta praticamente confinata per due giorni in albergo a prepararsi con uno stuolo di consiglieri molto preparati, guidati da Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York. Se il risultato del suo intervento tenuto questa notte sarà positivo o meno, ce lo diranno le critiche sui giornali e i sondaggi, Nel frattempo la campagna dei repubblicani si definisce in due leit motiv, a proposito della scelta della vicepresidente. Innanzitutto, si batte molto sul fatto che il fatto di avere 5 figli non è certo un impedimento a svolgere i suoi ruoli politici; anzi, una famiglia così numerosa dimostra l'attaccamento ai valori cattolici, tanto amati dai repubblicani. Infatti ieri si sono viste le immagini dell'incontro tra McCain e la famiglia Palin (compresa la presenza di Levi, fidanzato di Bristol Palin, la figlia 17enne di Sarah, attualmente incinta), con l'anziano senatore che si mostrava particolarmente affettuoso con Palin, accarezzandole il pancione. Il secondo punto su cui insiste lo staff di McCain è la differenza tra l'attuale amministrazione americana repubblicana di Bush e quella che sarà nel caso in cui verrà eletto. E in questa ottica le distanze tra la Palin e Cheney sono molti: la Palin non è un "prodotto" del lobbysmo di Washington, anche se nonha esperienza internazionale come Cheney impara in fretta; e così via. Insomma, si cerca di far dimenticare agli americani i danni che ha creato Bush.

Poi c'è quella che può essere definita una non-notizia, in quanto assodata e prevedibile: McCain è stato ufficialmente incoronato quale sfidante repubblicano per la Casa Bianca

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©