Dal mondo / America

Commenta Stampa

Restano rischi su questioni cruciali: aliquote e Mediacare

Usa: Fiscal cliff, repubblicani e Obama ora più vicini

Carney: "Negoziare ma non attraverso i media"

Usa: Fiscal cliff, repubblicani e Obama ora più vicini
11/12/2012, 17:56

NEW YORK  - I negoziati sul precipizio fiscale tra la Casa Bianca e lo speaker alla Camera, il Repubblicano John Boehner, hanno fatto passo avanti negli ultimi giorni. Lo scrive il Wall Street Journal che cita persone vicine alle trattative. Entrambe le parti continuano ad avere idee differenti sui nodi cruciali del fiscal cliff, l’insieme di tagli automatici alla spesa e aumento dell'imposizione fiscale che scatta dall'anno nuovo se non verrà trovato un accordo al Congresso, motivo per cui - secondo le fonti - le trattative potrebbero nuovamente subire uno stallo proprio su questioni come aliquote e Medicare, il programma federale che garantisce un’assicurazione medica agli anziani. Nonostante questo rischio, negli ultimi giorni un significativo cambio di rotta è stato osservato nelle trattative, diventate così più “serie”. Boehner si è recato alla Casa Bianca domenica scorsa, quattro giorni dopo la telefonata avuta con il presidente americano Barack Obama. L'inquilino della Casa Bianca a sua volta ha incontrato il leader di minoranza alla Camera Nancy Pelosi (Democratica della California) venerdì scorso, lo stesso giorno in cui Obama ha parlato con il leader di maggioranza al Senato Harry Reid (Democratico del Nevada). Reid e il presidente si sono parlati anche ieri. Restano i rischi su questioni cruciali come aliquote e Medicare. Il Wall Street Journal sottolinea come parte dei progressi nelle trattative sia legato al fatto che i contenuti dei vari incontri tra i leader politici chiamati a trovare una soluzione prima della fine dell'anno rimangono sconosciuti. Un Repubblicano al Congresso ha spiegato al quotidiano che i passi avanti si fanno quando le parti non parlano a microfoni aperti. Ieri, mentre il presidente era in viaggio verso Detroit (da dove ha parlato ribadendo l’intenzione di fare pagare più tasse a coloro che guadagnano oltre 250.000 dollari all'anno), il portavoce della Casa Bianca Jay Carney si è rifiutato di descrivere la natura delle negoziazioni tra Obama e Boehner. “Il presidente crede che il raggiungimento di un accordo sia possibile”, aveva detto Carney spiegando che “il nostro interesse sta nella possibilità di raggiungere un’intesa e non nel tentare di negoziare attraverso i media”

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©