Dal mondo / America

Commenta Stampa

Mentre il Parlamento della Florida dice no al controllo armi

Usa: i Clooney finanziano la marcia contro le armi


Usa: i Clooney finanziano la marcia contro le armi
21/02/2018, 10:19

WASHINGTON (USA) - George Clooney e la moglie Amal hanno versato 500 mila dollari a favore dell'organizzazione di una marcia contro le armi che si terrà il prossimo 24 marzo a Washington. La marcia è stata decisa dopo la strage avvenuta in un liceo della Florida ad opera di un 19enne, che ha ucciso 17 persone. E non sono gli unici ad aver preso questa decisione. Anche Oprah Winfrey ha annunciato che farà lo stesso; così come il regista Steven Spielberg e la moglie Kate Capshaw, o il produttore Jeffrey Katzenberg con la moglie Marilyn. E la lista potrebbe allungarsi. Il problema dell'eccessivo numero di armi in circolazione è molto sentito negli Usa, e sono tanti ad essersi schierati apertamente contro le leggi in materia. E parlo anche di persone famose che non hanno offerto soldi finora, come Jennifer Lopez, Luis Fonsi, Kim Kardashian ed Ellen De Generes. 

Un problema che non sembra interessare la politica. Come dimostrano i 71 voti contrari, a fronte dei 36 favorevoli, del Parlamento della Florida ad una mozione che chiedeva il bando delle armi d'assalto, come l'AR-15 usato nella strage di Parkland. Una votazione che ha destato molto stupore ed amarezza nei cittadini della Florida. Ma anche la decisione di Trump, di limitarsi ad annunciare una legge che vieti l'uso dei "Bump Stock" (un dispositivo che si mette nei fucili semiautomatici per trasformarli in automatici); come se non potessero essere vendute illegalmente. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©