Dal mondo / America

Commenta Stampa

Ma in un caso simile hanno già avuto ragione dal Tribunale

Usa: il Ku Klux Klan vuole "adottare" una strada, è polemica


Usa: il Ku Klux Klan vuole 'adottare' una strada, è polemica
12/06/2012, 11:06

GEORGIA (USA) - C'è una legge americana, che consente - a chi ne faccia richiesta - di "adottare" un pezzo di autostrada. Se la richiesta viene accolta, il richiedente (che di solito è una associazione o una società privata) si occupa di pulire quel tratta e di occuparsi della sua manutenzione; in cambio, c'è un cartello - all'inizio e alla fine di quel tratto - di "ringraziamento" col nome di chi se ne occupa.
Ma che succede se a farne richiesta è una associazione che, per dirla con gentilezza, è disdicevole frequentare? Perchè a fare richiesta di adottare un pezzo di autostrada è stato il Ku Klux Klan, la nota associazione razzista, diventata praticamente il simbolo dell'odio razziale verso la gente di colore. Il tratto in questione si trova in Georgia, un Paese la cui maggioranza è afro-americana, cosa che aggiunge un ulteriore livello di problematicità alla vicenda.
Così la propensione sarebbe per il no. Ma il rischio è di finire in Tribunale e di avere torto. Come avvenne nel 1997, in Missouri. Anche lì il KKK aveva chiesto di adottare un tratto di autostrada. Le autorità locali dissero di no; la cosa finì in Tribunale e alla fine gli incappucciati bianchi hanno avuto la meglio. E così oggi chi attraversa quel tratto di strada passa nel tratto che fa parte del "Reame del Missouri dei Cavalieri del Ku Klux Klan".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©