PROCESSO AZZURRO: STASERA ORE 21 SU JULIE ITALIA (CH19 dgt.)

Dal mondo / America

Commenta Stampa

Ma Trump continua ad insistere sulla sua linea

Usa: il pianto dei figli degli immigrati costringe i repubblicani a cambiare legge


Usa: il pianto dei figli degli immigrati costringe i repubblicani a cambiare legge
20/06/2018, 09:29

WASHINGTON (USA) - In uno dei film sugli X-men, c'è il presidente degli Stati Uniti che dà l'ordine di attaccare una scuola di mutanti; poi però dà un avvertimento a chi deve condurre l'attacco: "Mi raccomando, l'ultima cosa che vogliamo è un bambino mutente morto al notiziario delle 8". 

Una frase che vale anche per la realtà. Infatti, le immagini dei 2000 bambini messicani, separati dai genitori immigrati illegalmente negli Usa ed espulsi, in attesa che i Tribunali decidano del loro destino, stanno decidendo le azioni del Parlamento Usa. Infatti, i parlamentari repubblicani sono pronti a varare una legge che impedisca questa divisione. A nulla sono valse le parole del Presidente Trump che ha detto che la legge è stata fatta da Obama (ma là la separazione era prevista solo nel caso di genitori violenti o comunque pericolosi per la salute del bambino, ndr). Per cui democratici e repubblicani stanno discutendo su alcune proposte per cancellare questa situazione che, se dovesse proseguire, costerebbe tantissimo consenso ai repubblicani. 

Invece non sembrano all'ordine del giorno le leggi sull'immigrazione tanto care a Trump: niente soldi per il muro al confine col Messico, niente riduzione delle possibilità per gli immigrati di ottenere il permeso di soggiorno, niente più lotteria per ottenere la Green Card. Purtroppo è la differenza tra la propaganda elettorale e la dura realtà dei fatti. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©