Dal mondo / America

Commenta Stampa

Entro il 7 febbraio bisogna alzare il tetto del deficit

"Usa in default", l'allarme del Ministro del Tesoro


'Usa in default', l'allarme del Ministro del Tesoro
23/01/2014, 16:12

WASHINGTON (USA) - Gli Usa sono di nuovo sull'orlo del default. A dirlo è il Segretario al Tesoro Usa, Jack Lew, in una lettera allo speaker del Congresso (che negli Usa è da considerarsi la terza carica dello Stato, dopo Presidente e Vice Presidente). 
L'ultimo rischio di default è stato l'autunno scorso, quando c'è stato lo "shutdown": l'amministrazione pubblica non aveva i soldi per pagare i dipendenti e rimasero chiuse tutte le attività pubbliche. Dai parchi agli uffici comunali, rimase tutto chiuso per settimane, finchè Obama non scese a patti con i repubblicani, ottenendo così un aumento del tetto a cui poteva arrivare il deficit fino al 7 febbraio. Secondo i piani, questo doveva consentire all'amministrazione Usa di raccogliere fondi sufficienti ad arrivare a fine marzo. Ma i piani non sempre funzionano: secondo Lew, i margini di manovra non sono stati creati, per cui bisogna mantenere più alto il tetto del deficit, altrimenti non a fine marzo, ma già il 7 febbraio l'amministrazione Usa si troverà senza fondi. Con l'aggravante che febbraio è il mese in cui negli Usa vengono rimborsati i crediti fiscali; quindi le necessità di danaro per il governo Usa sono più alte dell'ordinario. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©