Dal mondo / America

Commenta Stampa

La donna è stata tre giorni in coma in ospedale

Usa: irachena uccisa di botte, vittima di odio razziale


Usa: irachena uccisa di botte, vittima di odio razziale
25/03/2012, 19:03

EL CAJON (CALIFORNIA; USA) - Non ce l'ha fatta Shaima Alawadi, irachena di 32 anni, madre di 5 anni, spirata in ospedale dopo tre giorni di ospedale, dove era stata ricoverata in condizioni disperate. Infatti mercoledì la donna, mentre era da sola in casa - il marito aveva accompagnato i figli a scuola - è stata aggredita da qualcuno che l'ha ripetutamente colpita con un attrezzo di metallo.
La Polizia per ora non parla di un crimine a sfondo razziale, ma il biglietto che è stato trovato vicino al cadavere, con scritto "Torna a casa terrorista" lascia pochi dubbi in proposito. Anche perchè pochi giorni prima la donna aveva ricevuto un biglietto simile, anche se non ci aveva fatto caso, liquidandola come "roba da ragazzi".
Shaima si era trasferita da poco a San Diego con la sua famiglia; il marito è un contractor dell'esercito Usa, incaricato di collaborare alla preparazione culturale dei militari in procinto di andare in Medioriente. Ma ora nella comunità irachena della zona c'è rabbia contro l'assassino, ma anche paura, nel caso la Polizia non lo arrestasse rapidamente.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©