Dal mondo / America

Commenta Stampa

Non avrebbe sistemato dei difetti all'accensione

Usa: la General Motors sotto accusa per aver causato 13 morti


Usa: la General Motors sotto accusa per aver causato 13 morti
12/03/2014, 10:26

DETROIT (USA) - Uno dei simboli statunitensi, la General Motors, è sotto indagine da parte della Procura federale. L'accusa è di non aver rispettato le leggi che impongono, in presenza di un difetto accertato, di richiamare i veicoli per la sostituzione. 

Secondo quanto sostiene la Procura, la General Motors non avrebbe provveduto a fare lo stesso su alcuni veicoli che presentavano un difetto all'accensione. Difetto che sarebbe stato responsabile di ameno 30 incidenti stradali, con un bilancio di 13 morti e decine di feriti. Il rischio per la società statunitense è duplice: c'è il rischio di finire in galera con una pena che può arrivare anche all'ergastolo; ma c'è anche il rischio di dover risarcire le vittime di tali incidenti. E si sa che negli Usa le cause di questo genere obbligano le società a sborsare cifre con tanti zeri. 

Ma non è l'unica casa automobilistica che è indagata. Anche la Toyota sta avendo problemi per un modello che pare acceleri da solo improvvisamente mentre si è alla guida; e anche in questo caso ci sono stati incidenti stradali. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©