Dal mondo / America

Commenta Stampa

Il presidente torna sulla possibilità di chiudere prigione

Usa: Obama, "Chiudere Guantanamo è nei nostri interessi"

Sullo sciopero della fame: "Non voglio che muoia nessuno"

Usa: Obama, 'Chiudere Guantanamo è nei nostri interessi'
30/04/2013, 19:02

WASHINGTON - Il presidente americano Barack Obama preannuncia un nuovo tentativo di chiudere il carcere speciale di Guantanamo, originariamente uno dei punti principali del suo programma nella sua prima campagna elettorale. Gli Stati Uniti, ha detto in una conferenza stampa, devono rivalutare il modo in cui gestiscono i presunti terroristi. «Tutti noi dobbiamo riflettere sulle ragioni per cui facciamo questo. Perché lo facciamo? Mantenere detenuti a tempo indefinito senza processo è contrario ai nostri interessi e deve finire», ha aggiunto. 

«Non voglio che dei prigionieri muoiano» ha poi aggiunto il presidente americano, Barack Obama, commentando lo sciopero della fame in atto a Guantanamo dove - ha aggiunto - «i problemi non sono per me una sorpresa».

«Guantanamo resta uno strumento di reclutamento di terroristi, non necessario. Continuo a pensare come nel 2008 che vada chiusa». Lo ha detto Barack Obama in una conferenza stampa.  Si tratta di una prigione, ha detto il presidente Obama «non necessaria per la sicurezza Usa, costosa, non sostenibile e dannosa per la nostra immagine internazionale» e per il futuro «esamineremo ogni opzione». È stato il Congresso a non volerla chiuderla, ha poi concluso il presidente americano. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©

Correlati