Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

USA: OBAMA COMINCIA A PIANIFICARE I PRIMI 100 GIORNI


USA: OBAMA COMINCIA A PIANIFICARE I PRIMI 100 GIORNI
10/11/2008, 09:11

Quando il 20 gennaio prossimo Barack Obama giurerà come quarantaquattresimo presidente degli Stati Uniti d'America, lo farà avendo già in tasca un pacchetto di decisioni da prendere. Infatti, secondo le leggi americane, il Presidente ha il potere di emanare ordini esecutivi: qualcosa di simile ai decreti legge italiani, solo che non hanno una scadenza di 60 giorni. E possono essere usati, in primis, per annullare o modificare precedenti ordini esecutivi; per esempio quelli di Bush, in molti campi. Da quello che si dice, uno dei primi ordini esecutivi che potrebbe essere annullato è quello del 2001 che prevede dei limiti molto stringenti ai finanziamenti federali per gli studi sulle cellule staminali. Poi c'è anche quello che autorizza nuove trivellazioni nelle zone incontaminate dell'Ohio alla ricerca di petrolio e quello che blocca il piano energetico della California per un taglio del 30% delle emissioni di anidride carbonica da parte dei veicoli entro il 2016. Ma ce ne sono anche altri (si parla di almeno 200 ordini esecutivi cancellabili e modificabili) senza che il Congresso abbia bisogno di intervenire. L'unico dubbio che rimane è l'eventualità che i repubblicani possano cercare di utilizzare questi due mesi di tempi che rimangono prima del cambio della guardia per blindare alcuni o tutti i provvedimenti presi da Bush, cosa che potrebbe creare proteste da parte degli altri.

Tuttavia, c'è da dubitare che Obama sia così attento al problema dell'inquinamento e del risparmio energetico, visto che in campagna elettorale ha parlato di aumentare il numero di centrali nucleari e l'uso del carbone, cosa che fa a pugni con l'idea del rispetto ambientale.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©