Dal mondo / America

Commenta Stampa

USA: Obama e Bernakke "Siamo in crisi, ma uniti ne usciremo"


USA: Obama e Bernakke 'Siamo in crisi, ma uniti ne usciremo'
25/02/2009, 09:02

Il Presudente della Federal Reserve, Ben Bernakke, e il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, sembrano muoversi sulla stessa lunghezza d'onda. Ieri hanno fatto un discorso alle Camere basato su un'analisi realistica ma non troppo preoccupata della situazione. Il primo è stato Bernakke, che ha detto che la crisi negli USA durerà fino al 2010, ma che dopo le società americane saranno in grado di uscire dal tunnel; di conseguenza bisogna affrontare questo momento.
Da parte sua Obama ha detto che la crisi non è nata ieri, ma va avanti da anni; per questo non può essere risolta in poco tempo. Tuttavia, ha aggiunto, "il peso della crisi non determinerà il destino della nazione: le risposte ai nostri problemi non sono fuori dalla nostra portata. Esistono nei laboratori e nelle università, nei nostri campi e nelle nostre fabbriche, nell'immaginazione dei nostri imprenditori e nell'orgoglio dei nostri lavoratori, i migliori del mondo". Infine ha invitato tutti a collaborare al fine di raggiungere l'obiettivo, per cui le risorse saranno trovate. Infatti, il team di Obama ha setacciato le tante voci delle spese federali, garantendo risparmi per 2000 miliardi di dollari in 10 anni, attraverso una maggiore attenzione nella gestione di alcuni mostri sacri: il Pentagono, Medicare (il servizio di assicurazione medica minima), la Social Security, e così via. Inoltre forti risparmi potranno anche essere ottenuti attraverso l'abbandono della pratica delle commesse senza concorso come avviene in Iraq.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©