Dal mondo / America

Commenta Stampa

L'obiettivo è privarli della benzina loro necessaria

USA: Obama firma le nuove sanzioni contro l'Iran


USA: Obama firma le nuove sanzioni contro l'Iran
02/07/2010, 15:07

WASHINGTON (USA) - Continua l'escalation di provocazioni degli Stati Uniti contro l'Iran. Questa volta però il colpo è duro: gli Usa hanno deciso di dichiarare l'embargo unilaterale contro l'Iran dei derivati del petrolio (benzina per esempio) e di quello che serve per fabbricarlo. Le sanzioni sono state approvate dal Presidente Barack Obama due settimane fa e si aggiungono a quelle, già pesanti, approvate dall'Onu a giugno. Il colpire la benzina è grave, perchè colpisce solo la popolazione civile, perchè l'Iran, pur essendo il secondo produttore di petrolio al mondo, non ha raffinerie di una qualche importanza, tanto che importa gran parte del carburante ed esporta solo petrolio greggio. Privarli della benzina, significa paralizzare gran parte delle attività civili, perchè in Iran non c'è un esercito degno di questo nome. Il grosso è formato dai pasdaran, cioè uomini fortemente motivati ed ideologizzati, ma con armamenti individuali e pochi mezzi e poca artiglieria.
C'è da chiedersi, a voler fare gli ingenui, come mai ogni volta che sembra esserci un avvicinamento alla situazione tranquilla, gli Stati Uniti riattizzano il fuoco

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©