Dal mondo / America

Commenta Stampa

La coppia accusata per l’utilizzo del waterboarding

USA, pediatra tortura la figlia 11enne


USA, pediatra tortura la figlia 11enne
10/08/2012, 09:57

Tragedia familiare nella cittadina statunitense di Georgetown, nel Delaware dove un pediatra americano, insieme alla sua moglie sono stati accusati di aver praticato sulla figlia 11enne dette torture del tipo di waterboarding, una sorta di annegamento simulato usata dalla Cia per interrogare i terroristi di al Qaeda.

Il waterboarding e' stato proibito nel 2009 dal presidente americano Barack Obama, in quanto considerato una forma di tortura. Melvin Morse, 5enne, ela moglie Pauline, 40enne, di Georgetown, nel Delaware, sono stati formalmente accusati di aver messo in pericolo il benessere della figlia, secondo quanto riferisce il sito delawareonline.com.

La licenza medica del pediatra torturatore e' stata sospesa. Secondo i documenti processuali, citati dal quotidiano News Journal,la bambina ha raccontatoche il padre le tenevala testa sotto ilrubinetto aperto senza farla respirare, dicendo che "cinque minuti non provocano danni cerebrali". Morse guida una fondazione no profit chiamata Istituto per lo Studio Scientico delal Coscienza. Nel 1991 scrisse un bestseller internazionale, chiamato "Closer to the light" (vicino alla luce) sulle esperienze infantili di pre morte. 

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©