Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

USA: PER OBAMA TSUNAMI ECONOMICO O DOCCIA FREDDA?


USA: PER OBAMA TSUNAMI ECONOMICO O DOCCIA FREDDA?
10/10/2008, 08:10

Sono sempre più gli istituti che si occupano di sondaggi e i mass media che danno con certezza la vittoria per Barack Obama il prossimo 4 novembre. La Gallup, una delle più note, addirittura gli dà 11 punti di vantaggio (52% contro il 41% di Obama). Tanto che alcuni analisti ritengono che quattro degli Stati più importanti (Virginia, Florida, North Carolina e Ohio) che nel 2000 e nel 2004 permisero la vittoria di Bush possano essere conquistati tutti da Obama, trascinando conun effetto domino tutti gli Stati circostanti ed assicurando così al senatore dell'Illinois almeno 350 voti contro i 270 necessari a vincere. E' quello che definiscono uno "tsunami economico", perchè alla base di questo successo, c'è il fatto che McCain viene visto da molti come un continuatore delle politiche di Bush, che sono poi alla base dell'attuale crisi, secondo il popolo americano.

Ma c'è chi invita alla calma, perchè su Obama ci sono ancora diverse incognite. Innanzitutto il fatto che gli elettori sono volubili. Per esempio nel 2000 Al Gore veniva visto vincitore quasi sicuro un mese prima del voto, contro Bush, con 11 punti di vantaggio nei sondaggi. Poi fallì miseramente i dibattiti televisivi e questo generò il recupero e poi la vittoria, per quanto contestata, di Bush. Inoltre non c'è solo il sondaggio della Gallup. Altri danno ad Obama un vantaggio inferiore ai 5 punti, il che vuol dire quasi parità, considerando che c'è un errore statistico di 2-3 punti, nelle rilevazioni. Inoltre c'è il punto che molti intervistati lo considerano "poco presidenziale"; espressione che a noi può sembrare sciocca, ma che influenza molto l'opinione pubblica americana. Infine (last but not the least) c'è il problema del colore della pelle. E' brutto dirlo, visto che siamo ormai nel Terzo Millennio, ma ci sono ancora molti americani razzisti, che si rifiutano di votare le persone di colore alle cariche elettive. Famoso è l'esempio dell'allora candidato Sindaco Brown, che fu sconfitto nel 1982 a Los Angeles proprio perchè era di colore. E' questo lo scenario che viene definito "da doccia fredda". Con tante incognite, i dubbi rimangono. E il primo a manifestarli è lo stesso Obama che sui palchi, quando fa i comizi, dice "Se sarò eletto...". E quando i suoi supporters a volte gli rispondono "Non se, quando!", lui risponde: "Sono superstizioso, per ora lasciamo il se".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©