Dal mondo / America

Commenta Stampa

Prestiti facili, ma restituirli è quasi impossibile

Usa: prestiti delle banche con tassi del 500%, il governo indaga


Usa: prestiti delle banche con tassi del 500%, il governo indaga
06/03/2013, 10:29

USA - C'è un fenomeno negli Usa che si è sviluppato negli ultimi tempi: il prestito "payday". E' un prestito ottenuto on line in poche ore, tramite finanziarie, con poche domande e pochi problemi. Ma i prestiti hanno tassi usurai: non è raro trovare prestiti concessi al 500% e si arriva fino al 16 mila  per cento. Ma il problema è che i colossi bancari come JpMorgan e Wells Fargo stanno di fatto aiutando queste società finanziarie, consentendo i passaggi di denaro e soprattutto consentendo a queste società di prelevare i soldi dai conti correnti delle "vittime" di questo strozzinaggio. 
In questa maniera si aggirano le leggi statunitensi, che fissano i tassi di interesse al 25%. Infatti, i siti on line non sono su territorio statunitense, ma all'estero. E quindi non sono perseguibili. 
Le indagini avviate dal governo americano servono a capire se ci siano rapporti occulti con le banche americane, dato che i prestiti payday stanno mandando in rovina moltissime persone, che non sono in grado di pagare gli stratosferici interessi richiesti. Basti pensare che tra il 2006 e il 2011 il totale di questi prestiti è salito da 5 a 13 miliardi di dollari. E con un interesse del 500%, la quantità di interessi prelevati è spaventosamente alta. Anche perchè uscirne è difficile: il debito può essere ripagato sopo dopo un avviso in anticipo di diversi giorni, da tre a cinque. Tempo durante il quale gli interessi corrono. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©