Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

USA: RESPINTA CAUSA CONTRO DIO, PERCHE' NON SE NE CONOSCE L'INDIRIZZO


USA: RESPINTA CAUSA CONTRO DIO, PERCHE' NON SE NE CONOSCE L'INDIRIZZO
17/10/2008, 10:10

Può sembrare la battuta finale di una barzelletta, ma è veramente successo. Un Giudice del Nebraska, negli Stati Uniti, ha respinto la causa proposta dal senatore Ernie Chambers - definito "l'uomo di colore più arrabbiato di tutto lo Stato - contro Dio, in quanto non è possibile notificargli l'atto di citazione. All'origine della causa, per il senatore, il fatto che Dio è responsabile di terremoti, uragani, guerre, bimbi malformati e di tutti gli atti terrotistici commessi nel mondo dai suoi seguaci. Inoltre ha lasciato in forma scritta documenti che servono a trasmettere ansia, paura, terrore e incertezza, al fine di averne l'obbedienza.

Ma il Giudice, Mark Pollock, ha respinto l'istanza, appellandosi ad una legge dello Stato del Nebraska che impone che chi presenta una istanza legale deve conoscere gli indirizzi di colui o coloro che vengono citati. Non essendo possibile rintracciare un indirizzo di Dio, ha agito di conseguenza.

E adesso il senatore Chambers intende prosegiure la sua battaglia, facendo ricorso, visto che - sostiene - Dio è onnisciente, e quindi sicuramente sa della causa in corso.

Magari il senatore Ernie Chambers si aspetta che Dio mandi un Arcangelo a difenderlo in aula con tanto di spada di fuoco?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©