Dal mondo / America

Commenta Stampa

Usa: Sanità, la paura della concorrenza


Usa: Sanità, la paura della concorrenza
16/10/2009, 15:10


“Il governo non è un giusto concorrente. E' un predatore”.
Chi parla è il senatore Charles Grassley, repubblicano dell’Iowa mentre spiegava la sua contrarietà alla creazione di un ente pubblico, la “public option”, nella bozza del disegno della riforma sanitaria. L’idea dell’ente pubblico non è inclusa nel piano del senatore Max Baucus, democratico del Montana, presidente della commissione finanze del Senato. L’emendamento che avrebbe creato l’opzione pubblica era stato introdotto dai senatori Jay Rockefeller (democratico, West Virginia) e Charles Schumer (democratico, New York).
La mancanza di un’opzione pubblica ha creato un monopolio per la aziende di assicurazione privata le quali sono in grande misura le alleati naturali del Partito Repubblicano. Per Grassley, l’opzione pubblica ucciderebbe le aziende di assicurazione privata e si avrebbe un sistema completamente governativo.
L’idea che un programma governativo uccide le aziende private non si nota in altri campi. A cominciare dalle università dove quelle statali esistono a fianco di quelle private. Come si sa, le prime università americane furono quelle private. La più antica è Harvard University che nonostante la creazione di università statali in Massachusetts ed in altri Stati continua ad essere una delle più quotate se non quella più prestigiosa di tutto il Paese. In California, la notissima Università di Berkeley, fu fondata da una fusione fra un’università pubblica ed una privata. Altre due università notissime in California, l’Università della California del Sud e Stanford University, le “dirette” concorrenti di Berkeley, continuano a prosperare.
Il monopolio dell’ufficio postale non ha bloccato la creazione di aziende private che in un certo senso creano concorrenza. Federal Express, United Parcel Services (UPS), DHL ed altre offrono dei servizi un po’ diversi da quelli del servizio postale e continuano a prosperare. Infatti, la loro presenza rende il servizio postale più sensibile ai bisogni dei cittadini perché i suoi impiegati sanno che ci sono delle alternative private.
L’idea che l’ente pubblico eliminerebbe le aziende di assicurazione private non regge. Il sessantacinque per cento degli americani favorisce la creazione di un tale ente, secondo un sondaggio del New York Times/Cbs.
La paura dei repubblicani che l’ente pubblico eliminerebbe le assicurazioni private riflette gli interessi corporativi e i loro profitti. Il profitto, non i bisogni dei pazienti, sono la ragione d’essere delle aziende private. Il fatto che quarantacinque milioni di americani non hanno assicurazione medica non preoccupa affatto le aziende private.
I repubblicani sono ottusi a questi bisogni dei cittadini come rivela una recente dichiarazione del senatore Jon Kyl dell’Arizona. Kyl, in una discussione sulla riforma sanitaria, ha detto che lui non ha bisogno della assicurazione sulla maternità perché è uomo. La senatrice Debbie Stabenow, democratica del Michigan, ha ribattuto giustamente che la madre di Kyl ne avrà avuto bisogno. Non solo. La figlia e la moglie di Kyl allo stesso tempo hanno bisogno dell’assicurazione medica. In sintesi, la sanità è una necessità basica per tutti ma i repubblicani la vedono come un privilegio individuale, un servizio che uno compra se ha i soldi.
Il piano sulla sanità dei repubblicani uccide, secondo il parlamentare democratico Alan Grayson della Florida. Per Grayson, il messaggio dei repubblicani ai malati è di “ non ammalarsi. E se uno si ammala, che muoia presto”. Ricorda il messaggio scioccante delle “squadre della morte” che secondo Sarah Palin verrebbero create se la riforma di Obama sarà implementata.
La battuta di Grayson si avvicina alla verità anche se i responsabili per le persone che muoiono per mancanza di assicurazione includono anche i democratici che fino ad ora si sono rivelati incapaci. Quanti americani muoiono per la mancanza di sanità? Secondo uno studio dell’American Journal of Public Health, 44.789 muoiono annualmente negli Stati Uniti per la mancanza di assicurazione medica. Un altro studio della Harvard Medical School e la Cambridge Health Alliance sostiene che le persone senza sanità medica hanno un rischio di morire del 40% più di quelli con assicurazione medica.
La aziende di assicurazioni private “sono dei ladri e la fanno franca”, secondo il senatore democratico Jay Rockefeller. Quando i ladri rubano, la polizia deve intervenire. In questo caso l’unico modo per fermare i ladri è con l’azione governativa dell’assicurazione per tutti.

Commenta Stampa
di Domenico Maceri - USA
Riproduzione riservata ©