Dal mondo / America

Commenta Stampa

La sentenza fortemente caratterizzata dal razzismo

Usa: sospesa all'ultimo minuto l'esecuzione di Duane Buck


Usa: sospesa all'ultimo minuto l'esecuzione di Duane Buck
16/09/2011, 09:09

TEXAS (USA) - CIrca 90 minuti prima che venisse giustiziato, Duane Buck è stato salvato dalla Corte Suprema, almeno per ora. L'uomo è accusato di duplice omicidio: secondo l'accusa e la sentenza, avrebbe fatto irruzione all'interno della casa della ex fidanzata Debra Gardner, armato di fucile. Qui avrebbe ucciso prima il suo nuovo compagno Kenneth Butler, poi inseguito la ragazza in mezzo alla strada - lei aveva cercato di fuggire - e l'aveva uccisa con un altro colpo di fucile. Negli atti risultano anche numerose testimonianze.
Eppure gli avvocati hanno chiesto di rifare il processo, in quanto la sentenza è macchiata dal razzismo. In particolare, dalla testimonianza di uno psicologo, Walter Quijano, che aveva sostenuto che i neri erano più inclini a reiterare i reati, se uscivano dal carcere. Secondo il ricorso, queste affermazioni hanno spinto verso la pena capitale, mentre la sentenza poteva essere ben diversa, senza di esse.
La Corte Suprema ha accolto questo ricorso e sospeso l'esecuzione di Buck, fino a che il ricorso stesso non verrà esaminato nel merito. Solo allora si deciderà cosa fare.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati

16/09/2011, 19:09

Galles, tragedia in miniera