Dal mondo / America

Commenta Stampa

L'uomo era già stato sedato e pronto per essere ucciso

Usa: sospesa all'ultimo minuto l'esecuzione di un disabile


Usa: sospesa all'ultimo minuto l'esecuzione di un disabile
20/02/2013, 09:05

JACKSON (GEORGIA, USA) - Warren Hill, afroamericano di 52 anni, è salvo, per il momento. L'uomo, condannato a morte per aver pestato a morte il suo compagno di cella, era già stato sedato e stavano per portarlo nella stanza dove ricevere l'iniezione letale, quando è arrivato l'ordine di sospensione della sentenza. In precedenza era stato condannato all'ergastolo per aver ucciso la propria fidanzata con 11 colpi di arma da fuoco. 
Il problema è che Hill ha seri problemi di disabilità mentale e un quoziente intellettivo di 70 (la normalità è sui 100). Per questo sono stati presentati numerosi ricorsi e appelli per cancellare la condanna a morte. In questo agevoplati da una sentenza del 2002 della Corte Suprema che stabilì che le persone disabili mentali non devono essere condannate a morte, pur lasciando ai singoli Stati la scelta su quali disabilità giustifichino la concessione del solo ergastolo. E per la Georgia è necessario dimostrare la disabilità mentale oltre ogni ragionevole dubbio.  Cosa che secondo i periti chiamati ad analizzare Hill, non è dimostrata (anche se tre di loro hanno poi fatto marcia indietro). 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©