Dal mondo / America

Commenta Stampa

La tragedia a meno 24ore da quella di Fort Hood

Usa: spara nel suo ex ufficio, 1 morto e 5 feriti


Usa: spara nel suo ex ufficio, 1 morto e 5 feriti
06/11/2009, 21:11

USA – Un morto e cinque feriti, questo il bilancio definitivo della tragedia che ha sconvolto gli Stati Uniti, già profondamente scossi dalla sparatoria che si è verificata, meno di ventiquattro ore fa, nella base militare di Fort Hood.
Il dramma si è consumato negli uffici della Reynold, Smith & Hill, una società di consulenza in cui Jason Rodriguez, 40 anni, lavorava fino a due anni fa, prima di essere licenziato. E' stato lui che, armato di pistola, ha fatto irruzione ed ha aperto il fuoco contro gli ex colleghi. I primi soccorsi sono stati chiamati alle 12,15 di stamattina. Arrivati sul posto, gli agenti hanno trovato i corpi al dodicesimo ed all'ottavo piano dell'edificio, situato nel Gateway Center di Orlando. Tutte le vittime lavoravano nell'ufficio di consulenza, dove sono impiegate circa cinquanta persone.
I feriti sono stati ricoverati al Regional Medical Center.
Mike Bernos, portavoce della società, ha spiegato che nel giugno 2007 Rodriguez fu condannato “per ragioni legate alle sue performance”.

Jason Rodriguez è stato catturato circa un'ora dopo, nell'abitazione della madre, dove si era rifugiato dopo essersi allontanato dal grattacielo a bordo di un suv Nissan grigio. Il quarantenne si è arreso senza opporre resistenza.

Meno di 24 ore fa, nella base militare di Fort Hood, in Texas, lo psichiatra dell'Esercito Nidal Hasam ha ucciso 20 12 soldati e una guardia e ferito altre 30 persone. Non è ancora chiaro se la follia omicida sia nata dalla volontà di non partire per l'Afghanistan, dove era stato destinato, o se la decisione di compiere la strage sia nata dalla sua fede jihadista.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©