Dal mondo / America

Commenta Stampa

La legge non tutela chi non ha un contratto di lavoro

Usa: stagista molestata dal capo, ma non può denunciarlo


Usa: stagista molestata dal capo, ma non può denunciarlo
11/10/2013, 17:24

NEW YORK (USA) - Non è simpatico per una ragazza di 22 anni, che lavora in un Paese straniero, avere un capufficio che allunga le mani senza permesso. E' quello che succedeva regolarmente a Lihuan Wang, una ragazza cinese che lavorava come stagista presso la Phoenix Satellite Television, ufficio di New York. 
Chiaramente alla lunga la cosa ha cominciato a preoccuparla ed impaurirla, e quindi si è rivolta ad un avvocato per denunciare il suo superiore per molestie sessuali. Ma il giudice di Manhattan che ha deciso sulla causa, ha decretato che la ragazza non può citare in giudizio il suo capo: è una stagista, quindi non ha un contratto di lavoro con la società per cui lavora il suo capo.
Purtroppo questo è l'ennesimo esempio di come le leggi statunitensi non tutelano affatto gli stagisti, nè sul piano legale, nè sul piano economico, nè sul piano dei diritti. Ed è questa la base della legislazione statunitense.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©