Dal mondo / America

Commenta Stampa

Autore della sparatoria un ex studente coreano

Usa: strage in un college cristiano. Il killer fa 7 vittime

L’uomo è stato fermato: in queste ore l’interrogatorio

Usa: strage in un college cristiano. Il killer fa 7 vittime
03/04/2012, 09:04

OAKLAND - Sette morti e tre feriti: è questo il bilancio dell’ennesima strage consumatasi in un campus universitario statunitense. A mettere in atto la sparatoria è stato un ex studente dello stesso istituto: si tratta di un coreano 43enne, già arrestato dalle autorità un’ora dopo aver compiuto il folle gesto. L’uomo è stato fermato in una località a una decina di kilometri di distanza dal luogo dell’accaduto, all’esterno di un centro commerciale, e, a quanto pare, non avrebbe opposto alcun tipo di resistenza alle forze dell’ordine.
Scenario della tragedia, invece, è un’aula della Oikos University, una piccola università indipendente d’ispirazione cristiana a Oakland, in California. Qui il killer, in tuta mimetica, ha aperto il fuoco in una classe della scuola di infermeria del College (avrebbe sparato all’impazzata almeno una trentina di colpi), dandosi poi alla fuga terminata però presto.
Identificato il killer, il movente però resta ancora un mistero. La Oikos University, che accoglie soprattutto studenti della comunità cristiana americana coreana, offre corsi in teologia, musica, medicina asiatica e infermieristica: le vittime sono soprattutto appartenenti alla comunità coreana americana della città. Che l’autore di questa strage sia un ex studente è stato reso noto da Jong Kim, il pastore fondatore della Oikos oltre 10 anni fa: “Al momento non so dire se il killer abbia lasciato volontariamente la nostra scuola o sia stato espulso”, ha infatti riferito sul sito web dell’università. In queste ore l’uomo dovrebbe essere sottoposto ad interrogatorio: pare che per agevolare il loro lavoro, gli agenti californiani abbiano chiesto l’ausilio di un interprete coreano.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©