Dal mondo / America

Commenta Stampa

Il terrorista: «Sono di Al Qaeda»

Usa, sventato attentato su aereo per Detroit


Usa, sventato attentato su aereo per Detroit
26/12/2009, 10:12

STATI UNITI - Torna negli Stati Uniti, l'incubo del terrorismo. E proprio nel giorno di Natale.
Un giovane nigeriano, infatti, nella serata di ieri ha innescato una piccola carica esplosiva prima dell'atterraggio di un volo diretto a Detroit.
Umar Faruk Abdulmutallab, questo il nome del passeggero nigeriano, si trovava a bordo di un aereo della Northwest Airlines, che copriva la tratta tra Amsterdam e Detroit, nel Nord degli Stati Uniti.  ha tentato venerdì sera di far esplodere l’aereo prima dell’atterraggio.
L'uomo, 23enne studente di ingegneria a Londra, poco prima dell'atterraggio, ha attivato un ordigno esplosivo composto da un miscuglio di polvere e di liquido che il giovane aveva, probabilmente, fissato ad una gamba.
Il congegno ha fatto una grossa fiammata ma per fortuna non ha avuto nessuna grave conseguenza per i 278 passeggeri e gli 11 membri dell'equipaggio al momento a bordo dell'aereo. Sarebbero stati proprio i passeggeri a bloccare il 23enne dopo l'innesco dell'ordigno. L'aereo è poi atterrato regolarmente e il sospetto è stato immediatamente arrestato e sottoposto ad interrogatorio.
L'uomo ha affermato di agire per conto di Al Qaeda, di cui sarebbe membro. Ha inoltre specificato di essersi procurato l'esplosivo nello Yemen e di aver ricevuto ordini precisi su quando utilizzarlo. Stando al suo visto di ingresso, rilasciato il 16 giugno scorso, il giovane stava viaggiando dalla Nigeria agli Stati Uniti per partecipare a una cerimonia religiosa.
L'episodio ha ovviamente destato sconcerto e preoccupazione alla Casa Bianca che ha parlato apertamente di un “una tentata azione di terrorismo” annunciando il rafforzamento delle misure di sicurezza nel trasporto aereo, senza però fornire ulteriori precisazioni.
Immediatamente informato dell'accaduto il presidente americano Barack Obama, alle Hawaii per le festività natalizie, ha avuto un colloquio con i responsabili della sicurezza dai quali è costantemente tenuto aggiornato sull'evolversi della questione.
Secondo fonti delle forze dell'ordine, il nominativo del nigeriano sarebbe presente in una database dei servizi segreti ma non a un livello che richiedesse di inserirlo su una lista di individui da sorvegliare o ai quali vietare di imbarcarsi a bordo di un aereo con destinazione Stati Uniti.
La Delta Air Lines, la compagnia che ha acquisito l'anno scorso la Northwest Airlines, e a cui appartiene l'aereo coinvolto nel tentativo di attentato, tende a minimizzare i contorni della vicenda,  precisando in un comunicato semplicemente che “un passeggero ha causato un problema a bordo del volo” durante “l'avvicinamento a Detroit”.
L'aereo è poi atterrato alle 17:51 di ieri, le 18:51 in Italia. Durante l'esplosione causata dall'innesto del congegno, il giovane nigeriano è rimasto ferito ad una gamba ed è attualmente ricoverato in ospedale sotto stretta sorveglianza. Rimasti lievemente feriti anche altri due passeggeri.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©