Dal mondo / America

Commenta Stampa

USA:vite scambiate.Dichiarata morta una ragazza per errore


USA:vite scambiate.Dichiarata morta una ragazza per errore
28/07/2010, 20:07

In  Arizona, States, un tragico scambio di identità ha sconvolto la vita di due famiglie. Mentre una coppia di genitori piangeva la morte della figlia, ella si trovava in realtà in coma. E la ragazza scambiata, ormai passata a miglior vita si pensava ancora salvabile.
Tutto è accaduto a causa di un terribile errore dell'ospedale in cui sia  Abby Guerra (19 anni) che  Marlena Cantu (21 anni) sono state ricoverate insieme.  Insieme tornavano da Disneyland in compagnia di una loro amica  quando sono rimaste vittime del tragico incidente stradale in cui la  loro amica è morta sul colpo.
Una volta giunte in ospedale si è constato lo stato delle persone coinvolte nell’incidente, ovvero due morti e una in coma. Abby Guerra ha la schiena spezzata, ferite gravi alla testa. I danni al volto sono tali che non è possibile riconoscerla. In più, dovendo essere operata urgentemente al cervello, viene rasata completamente. A questo punto succede l’incredibile . I responsabili dell’ospedale avvertono la famiglia di Abby che la seconda vittima dell’incidente è lei. Allo stesso tempo, dicono alla famiglia Cantu che la loro figlia è ricoverata in coma in gravi condizioni. 
La famiglia di casa di Abby ha addirittura venduto l'attività famigliare per poter pagare il funerale. In casa Cantu invece si pregava perchè Marlena si risvegliasse dal coma.

Solamente un giorno prima del funerale di Abby, grazie all'autopsia compiuta sul corpo di Marlena (che i medici pensavano essere Abby) le due famiglie sono riuscite a scoprire la verità. I sentimenti e gli stati d'animo sono ovviamente cambiati improvvisamente.

Le autorità mediche dell'ospedale si sono giustificate spiegando di non aver rilasciato alcun documento ufficiale sull'identità delle persone coinvolte nell'incidente, rifiutandosi di farlo fino a quando non fosse stata effettuata l'autopsia. Fino ad allora nessun certificato di morte era stato in effetti rilasciato. Nessun errore dal punto di vista burocratico dunque, ma la tragicità dell'evento non cambia .

Non è la prima volta che negli Stati Uniti avviene uno scambio d'identità del genere. Era già successo nel 2006 e le conseguenze erano state molto più tragiche, dato che l'errore si è protratto molto più a lungo nel tempo.

Commenta Stampa
di LG
Riproduzione riservata ©

Correlati