Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Ma ci sono scarse possibilità di trovare in vita i secondi

Valanga in Afghanistan: 56 morti e 145 dispersi


Valanga in Afghanistan: 56 morti e 145 dispersi
10/03/2012, 16:03

AFGHANISTAN - SI è talmente abituati a parlare delle vittime della guerra in Afghanistan che le notizie di morti naturali non arrivano. Come non sono mai arrivate alla stampa le 24 morti dovute al freddo, in questo che è stato uno dei peggiori inverni che l'Afghanistan si sia trovato ad affrontare. E ci è voluta quasi una settimana perchè si sapesse che il 4 marzo scorso c'è stata una valanga che ha travolto il villaggio di Badakhshan, nella zona nordorientale del Paese. Dopo una settimana sono stati recuperati 56 corpi, ma ci sono ancora 145 dispersi, con scarsissime possibilità di essere trovati vivi. Il che poterebbe il numero dei morti a 201. I soccorsi sono riusciti a salvare sei persone, semi asfissiate e in ipotermia (cioè con una temperatura molto al di sotto del normale), ma si dubita ci siano altre persona ancora in vita.
La colpa è delle abbondanti nevicate che ci sono state sulle montagne della zona, che hanno raggiunto livelli record. Adesso che la temperatura comincia a salire, i vari strati di neve perdono compattezza e questo rende instabile la massa nevosa.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©