Dal mondo / America

Commenta Stampa

Elette una lesbica, una disabile e un'emigrante giapponese

Valanga rosa sul Congresso americano, 19 soltanto in Senato

Capitol Hill apre le donne al gentil sesso

Valanga rosa sul Congresso americano, 19 soltanto in Senato
07/11/2012, 21:15

NEW YORK - Valanga rosa sul Congresso: con un numero senza precedenti di donne candidate (141 soltanto per la Camera), l'Election Day 2012 ha portato a Capitol Hill un numero record di rappresentanti del “gentil sesso”. 19 soltanto in Senato, un record storico, tra cui Elizabeth Warren, professoressa di Harvard e avvocato dei consumatori, la prima donna eletta al alla Camera Alta dallo stato del Massachusetts che ha riconquistato il seggio di Ted Kennedy dal repubblicano moderato Scott Brown. Ma anche Tammy Baldwin, lesbica democratica del Wisconsin: la prima gay in assoluto ad occupare un seggio nella Camera Alta degli Usa ha battuto l'ex governatore Tommy Thompson in una gara in cui le polemiche sul suo orientamento sessuale sono rimaste ai margini del dibattito politico, spiazzate dalle preoccupazioni su economia e occupazione. Donne di diverse estrazioni etniche, sociali, professionali si sono affermate al termine di una campagna elettorale in cui molti loro diritti erano stati messi in dubbio da affermazioni medievali come quelle dell'aspirante senatore Todd Akin sullo stupro. Akin è stato sconfitto da una donna: la senatrice uscente del Missouri Claire McCaskill. Ma nella notte dei “primati in rosa” la palma del Girl Power è andato al New Hampshire: il primo stato con una delegazione esclusivamente femminile al Congresso. Le democratiche Ann McLane Kuster e Carol Shea Porter sono state elette alla Camera e si uniranno alle altre due donne che già rappresentano il piccolo “Stato Granito”: le senatrici Kelly Ayotte e Jeanne Shaheen. Come se non bastasse, un’altra donna del New Hampshire, Maggie Hassan, è diventata governatore battendo il repubblicano conservatore Ovide Lamontagne grazie a un piattaforma imperniata sui diritti delle donne e delle minoranze. Altri primati sono emersi dalle Hawaii: Tulsi Gabbard è diventata la prima indù al Congresso mentre la deputata Mazie Hirono, una emigrante giapponese, sarà la prima senatrice dello stato di Barack Obama e la prima donna di origini asiatiche in Senato. In Illinois un’altra asiatica-americana, Tammy Duckworth, in parte di origine thailandese, è diventata la prima disabile eletta alla Camera dei Rappresentanti: ex vice segretario per gli affari degli ex combattenti ha perso entrambe le gambe durante la guerra in Iraq.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©