Dal mondo / America

Commenta Stampa

Finora almeno 41 vittime e 700 feriti

Venezuela , scontri tra manifestanti: morto poliziotto


Venezuela , scontri tra manifestanti: morto poliziotto
09/05/2014, 10:54

CARACAS – Ancora scontri in Venezuela  che dal 4 febbraio scorso  è in agitazione per la  protesta dell'opposizione anti-chavista del movimento studentesco che manifesta contro il presidente Nicolas Maduro, successore del defunto Hugo Chavez. 

Le proteste sono sfociate in scontri e in azioni di repressione, con un bilancio ufficiale stimato finora in almeno 41 morti e 700 feriti. Un agente della polizia venezuelana è morto a Caracas, raggiunto da uno sparo di arma da fuoco durante  gli scontri tra i manifestanti antigovernativi e poliziotti a Los Palos Grandes, nell'est della capitale.

La retata delle scorse ore, gli ultimi disordini e la morte del poliziotto rischiano adesso di far salire ulteriormente la tensione. Mentre resta in fase di stallo il tentativo di negoziato avviato dalle parti nei giorni scorsi e non trovano al momento conferma le voci che invocano una mediazione diretta del cardinale Pietro Parolin - segretario di Stato vaticano ed ex nunzio apostolico a Caracas - dopo l'iniziale ruolo di garante dei colloqui svolto dalla Santa Sede su richiesta di entrambi i contendenti

Ramon Muchacho, esponente dell'opposizione e sindaco di Chacao, il comune della zona metropolitana di Caracas teatro degli scontri, accusa  le forze di sicurezza di aver  smantellato vari "campeggi della libertà" del movimento studentesco e arrestato 200 giovani.  

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©