Dal mondo / America

Commenta Stampa

Vittoria alle amministrative in 17 delle 23 regioni

Venezuela: ancora accuse di brogli non provate contro Maduro


Venezuela: ancora accuse di brogli non provate contro Maduro
17/10/2017, 10:33

CARACAS (VENEZUELA) - E' sempre la stessa storia: dopo ogni elezione in cui il governo Maduro vince, subito glI stati Uniti partono con le accuse di brogli. L'ultimo episodio dopo le elezioni di domenica, in cui il partito di Maduro ha eletto 17 dei 23 governatori per cui si votava. Una vittoria inaspettata, dato che il Mud (l'associazione di tutti i partiti di opposizione) aveva annunciato con sicurezza la vittoria in tutte le regioni. 

E così la portavoce del Dipartimento di Stato Heather Nauert ha dato il la alle dichiarazioni contro il governo di Maduro: "Condanniamo la carenza di libertà e di correttezza nelle elezioni regionali venezuelane". Ha proseguito l'ambasciatrice statunitense all'Onu, Nikki Haley: "I venezuelani hanno tentato di far sentire la loro voce e il dittatore Maduro ha ancora una volta cercato di farli tacere con l'intimidazione, la manipolazione e l'ostruzionismo. Un'elezione è legittima solo se è libera e giusta, e fin dall'inizio questa non lo era". Posizioni riprese anche dalla rappresentente dell'Unione Europea Federica Mogherini, che ha parlato di "risultati sorprendenti", da verificare. 

Non è tardata la risposta dle governo venzuelano, affidata al Ministro degli Esteri Jorge Arreaza: "Come avevamo già avvertito venerdì scorso, l'Ue e alcuni fra i suoi Stati membri, subordinati a Trump, ora questionano la volontà elettorale del popolo venezuelano"

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©