Dal mondo / America

Commenta Stampa

Ennesima nazionalizzazione delle proprietà di ricchi

Venezuela: Chavez annuncia esproprio delle Los Roques


Venezuela: Chavez annuncia esproprio delle Los Roques
08/10/2011, 15:10

CARACAS (VENEZUELA) - Ancora una volta il Presidente venezuelano Hugo Chavez lancia un annuncio destinato a far discutere: l'esproprio e la nazionalizzazione di Los Roques (Le rocce, in spagnolo), un arcipelago di isolotti all'interno di una barriera corallina, a 160 Km dalle coste venezuelane. SI tratta di una zona che, pur essendo un parco nazionale, ha vissuto negli anni passati una robusta speculazione edilizia, per cui sono state costruite lussuone seconde case da parte della ricca borghesia venezuelana ma anche straniera. Tra cui non pochi americani, a giudicare dal disprezzo con cui il Times guarda all'iniziativa.
Secondo il presidente venezuelano - che è apparso in voce ad una radio nazionale, come succede spesso da quando è malato - la nazionalizzazione delle ville e la loro trasformazione, con modifiche minime, in ostelli per la povera gente, offrirà tantissimi venezuelani la possibilità di passare sereni periodi di vacanza in una splendida zona. I venezuelani verranno portati lì con gli yacht sequestrati ai miliardari nel corso del tempo.
Naturalmente, come avviene sempre, si sono creati due netti schieramenti: quello che sostiene questa iniziativa, sostenendo che è giusta e coloro che invece dicono che si tratta di un'altra mossa propagandistica, per far dimenticare i tanti fallimenti del suo governo. E in questo fanno notare che, in vista delle presidenziali del 2012, Chavez viaggia intorno al 30%; cioè per la prima volta, da quando è presidente, non ha la maggioranza assoluta dei voti assicurati.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©