Dal mondo / America

Commenta Stampa

Ansia per i due imprenditori italiani rapiti

Venezuela, uccisi dieci giocatori rapiti


Venezuela, uccisi dieci giocatori rapiti
25/10/2009, 20:10

 
La polizia ha trovato i corpi di 10 dei 12 giocatori di una squadra di calcio dilettante colombiana sequestrati 10 giorni fa. Lo hanno reso noto le autorita' della provincia venezuelana di Tachira, al confine con la Colombia. L'unico sopravvissuto all'eccidio e' un ragazzo di 18 anni, il quale ha detto che a uccidere i suoi compagni sono stati i guerriglieri colombiani dell'Ejercito nacional de liberacion (Eln). Intanto cresce la preoccupazione per i familiari di Walter Ianotto, 80 anni e del genero Roberto Armellin 48 anni, rapiti da un commando di guerriglieri a Caracas in Venezuela. I familiari non sanno più nulla di loro da mercoledì scorso, quando sono stati prelevati da alcuni guerriglieri mentre si trovavano nella loro villa nella capitale venezuelana.  Le uniche notizie che arrivano dall’America Latina sono quelle filtrate dalla Farnesina, in costante contatto con l’Unità di crisi e con l’ambasciata italiana a Caracas. E ciò che trapela non fa che aumentare l’angoscia per la moglie di Ianotto e per le figlie, una delle quali sposata con Armellin.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©