Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Esplose quasi contemporaneamente, 56 i feriti

Ventisei morti a Bagdad a causa di due autobombe


Ventisei morti a Bagdad a causa di due autobombe
20/06/2010, 14:06

BAGDAD - Ennesima carneficina a Bagdad, con due ordigni posizionati all'interno di altrettanti automobili che, esplosi quasi simultaneamente davanti alla Trade Bank ed alla sede di uno degli uffici del Ministero degli Esteri, hanno causato 56 feriti e 23 morti.
Le vittime, in maggioranza donne, sono state uccise dalle bombe che sono esplose nel quartiere di i Al-Yarmuk per un motivo ben preciso e cioè, aver osato infrangere alcune regole fondamentali dell'islamismo ultraortodosso. Ancora una volta, dunque, il regime fondamentalista islamico soffoca nel sangue ogni tentati di apertura ed ogni urlo di libertà. Una settimana fa, due Kamikaze collegati ad "Al Quaeda",si sono lanciati con le loro auto contro il cancello principale della banca centrale di Bagdad causando altri 15 morti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©