Dal mondo / America

Commenta Stampa

Il Pentagono cerca di valutarne l'impatto

Wikileaks pronta a pubblicare 400 mila documenti


Wikileaks pronta a pubblicare 400 mila documenti
18/10/2010, 10:10

WASHINGTON - E' sempre più alta la tensione, all'interno del Pentagono, per la pubblicazione ormai prossima - potrebbe avvenire già tra oggi e domani - di 400 mila documenti sulla guerra in Iraq che il sito Wikileaks ha promesso di mettere on line. Si tratta del più grande blocco di documenti immessi in una volta sola, sulla guerra che gli Usa stanno conducendo. A luglio ne furono pubblicati oltre 70 mila sull'Afghanistan e ci fu una notevole quantità di proteste, sia per il rischio di rendere note le fonti, sia per i giudizi poco lusinghieri sul Pakistan e sulla sua collaborazione alla guerra.
Proprio per questo il Pentagono - che ha scoperto che i documenti sono stati trafugati da un data-bse e quindi sa quali verranno pubblicati - ha allestito un team di 1200 persone incaricato di valutare quali potranno essere gli effetti di questa pubblicazione. Lo conferma il portavoce, colonnello Dave Lapan: "E' la stessa squadra che mettemmo insieme dopo la pubblicazione del materiale sulla guerra afghana. I file sono stati prelevati da un data-base in Iraq che documenta azioni significative, relazioni di attività di pattuglia, relazioni tattiche e cose del genere".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©