Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Tra i generali, anche il fratellastro del dittatore Saleh

Yemen: carri armati nelle strade, mentre i generali defezionano


Yemen: carri armati nelle strade, mentre i generali defezionano
21/03/2011, 14:03

SANA'A (YEMEN) - Continua a restare alta la tensione nello Yemen, dopo le sparatorie dei giorni scorsi. Il dittatore del Paese, il presidente Ali Abdallah Saleh, sta usando tutta la forza a sua disposizione, come dimostra la presenza di carri armati per le strade della capitale Sana'a; soprattutto nella zona intorno al palazzo presidenziale. Ma è uno sfoggio di muscoli privo di sostanza, perchè sempre più persone lasciano l'entourage del presidente e si uniscono ai ribelli. Anche il governatore di Aden, la seconda città del Paese, l'ha fatto. E numerosi soldati ed ufficiali, a cominciare da tre generali d'alto rango. Addirittura uno dei tre è Ali Mohsen Al Ahmar, molto rispettato dalle gerarchie militari e fratellastro di Saleh. E', di fatto, il numero 1 dell'esercito, oltre che parente del presidente; eppure si è unito agli insorti. E il suo esempio ha convinto molti, tra soldati ed ufficiali, tra cui glialtri due generali, a fare lo stesso, incidendo gravemente sulle gerarchie dell'esercito e sul morale dei soldati rimasti.
Ban Ki Moon, segretario generale dell'Onu, è intervenuto, invitando le parti a trattare e a cessare ogni violenza fratricida.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©