Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Si è fatto esplodere contro un’unità militare yemenita

Yemen nel sangue: kamikaze di Al Qaeda uccide 100 soldati


Yemen nel sangue: kamikaze di Al Qaeda uccide 100 soldati
21/05/2012, 20:05

BEIRUT - Non si ferma la violenza in Yemen, dove un nuovo attentato ha provocato la morte di circa 100 persone e il ferimento di altre 300, alcune delle quali con gli arti strappati o con lesioni cerebrali che li lasceranno paralizzati. Questa volta, un kamikaze, che indossava l’uniforme carica di esplosivo, si è fatto esplodere contro un’unità militare yemenita: l’azione è stata rivendicata da Al Qaeda. Le vittime erano tutti soldati che provavano una parata militare da svolgere domani, martedì, in occasione del 22esimo anniversario dell’unificazione del nord con il sud del Paese. Al momento dell’esplosione era presente anche il ministro della Difesa, Mohammed Nasser Ahmed, rimasto però illeso.
Questo nuovo attentato è il più violento mai avvenuto nella capitale da quando è andato al potere, nel febbraio scorso, il presidente, Abdrabuh Mansur Hadi, con l’impegno a combattere la crescente presenza jihadista nella regione. L’attentato-kamikaze avviene 10 giorni dopo l’inizio di una massiccia offensiva contro Al Qaeda, sferrata nella provincia meridionale di Abyan, dove i jihadisti hanno preso il controllo di una serie di città, grazie ai violenti attacchi sferrati a partire dallo scorso maggio. Un’offensiva cominciata all’indomani dell’annuncio della Casa Bianca di aver sventato un complotto di Al Qaeda nella Penisola Arabica contro un aereo di linea americano. L’attentato sembra essere per questo un messaggio rivolto alle autorità.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©