Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Zimbabwe, tremila persone uccise dal colera


Zimbabwe, tremila persone uccise dal colera
04/02/2009, 08:02

L'epidemia di colera che sta attraversando lo Zimbabwe ha raggiunto livelli senza precedenti. Stando ai dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità sono almeno 63 mila le persone infettate dal virus, che da agosto a oggi ha ucciso oltre 3 mila persone.

Inoltre, almeno un milione di persone rischia di venirne contagiata, poiché, dopo che oltre il 70 percento delle sorgenti, dei canali di irrigazione e dei fiumi del Paese si sono prosciugati, la maggior parte delle persone utilizza acqua infetta, come riferiscono le Nazioni Unite. Le autorità dello Zimbabwe, però, non sembrano rendersi conto della gravità della situazione. Il ministro delle Comunicazioni, Bright Matonga, ha dichiarato che "effettivamente c'è stata un'epidemia di colera nel Paese, che alla fine dello scorso anno ha raggiunto livelli molto alti. Abbiamo richiesto aiuto, e lo abbiamo ricevuto sia dall'Organizzazione Mondiale della Sanità che da diverse Ong. Adesso, però, la situazione è notevolmente migliorata, anche se non tutto è perfettamente sotto controllo. Siamo assolutamente in grado di fare prevenzione e di informare i nostri cittadini". Alla catastrofe umanitaria si aggiungono anche le difficoltà economiche, legate all'iperinflazione, il cui tasso ha ormai raggiunto i 231 trilioni, e la crisi politica. Il presidente, Robert Mugabe, e il leader dell'opposizione, Morgan Tsvangirai, stanno tentando in questi giorni di arrivare a un accordo per la spartizione del potere, che per il momento, però, rimane concentrato nelle mani del presidente.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©