Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Per quest’anno il calo è pari al 29,5 per cento

2011, crollano le pensioni erogate: in 11 mesi 100mila in meno

Inps: ad incidere le regole sulla finestra mobile

2011, crollano le pensioni erogate: in 11 mesi 100mila in meno
26/12/2011, 16:12

ROMA – Crollano le pensioni erogate nel 2011. I dati di riferimento sono quelli resi noti dall’Inps, secondo i quali, nei primi 11 mesi dell’anno, le pensioni di vecchiaia e di anzianità liquidate sono state 224.856: ben 94.000 in meno rispetto allo stesso periodo 2010. Il calo, quindi, è pari al 29, 5 per cento. Nello specifico, le pensioni di anzianità erogate nel 2010 sono ammontate a 166.015, mentre a 163.507 nei primi 11 mesi dell’anno; oggi, invece, per i primi 11 mesi del 2011, sono state pari a 130.640.
Sulla diminuzione hanno inciso soprattutto le nuove regole scattate nel 2011 sulla finestra mobile (12 mesi di attesa, una volta raggiunti i requisiti per la pensione, 18 mesi per gli autonomi) e sull’inasprimento dei requisiti per l’accesso alla pensione di anzianità (almeno 60 anni di età con quota 96 tra età e contributi, a fronte dei 59 e quota 95 del 2010, mentre sono rimasti stabili i 40 anni di contributi a qualsiasi età). Nel 2011 quindi sono riusciti a uscire solo coloro che avevano già raggiunto i requisiti nel 2010, perché per chi li ha raggiunti quest’anno è scattata la finestra mobile che ha rinviato tutti al 2012.
“Ci aspettavamo una riduzione, ma non di questa consistenza”, ha spiegato al riguardo il presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua, secondo cui questo calo “darà sollievo alle Casse dell’Istituto, assicurando più solidità e tranquillità a chi vede nelle pensioni la serenità del futuro. La maggiore stabilità – ha detto - arriverà poi per effetto combinato con l’entrata in vigore della riforma Fornero, i cui effetti si faranno sentire nel 2013”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©